Blog

Mobilegeddon: cosa cambia

tablet-sito-responsive

Il “Mobilegeddon” è arrivato. Come annunciato a febbraio, Google ha oggi cambiato l’algoritmo per la gestione delle ricerche in rete, penalizzando  i siti non ottimizzati per la visualizzazione sui dispositivi mobili.

I siti “mobile-friendly” avranno quindi la priorità nei risultati delle ricerche, essendo valorizzati nel ranking, cioè nella classifica dei risultati di ricerca, a scapito di quelli che hanno solo la versione desktop.

Lo scopo della modifica è quello di evitare, visto il ruolo sempre più importante del mobile nell’uso quotidiano di internet,  che gli utenti finiscano su pagine web che sarebbero visualizzate male dai dispositivi che stanno utilizzando.

Nell’annuncio ufficiale Google precisa che le modifiche avranno un impatto significativo sui risultati di ricerca, anche se il nuovo algoritmo riguarderà soltanto le ricerche da dispositivi mobili.

E dunque che fare?

Prima di tutto assicurati che il tuo sito sia “mobile-friendly”. Per farlo puoi usare lo strumento che Google ha messo a disposizione per testare la compatibilità con i dispositivi mobili, oppure testare il tuo sito usando altre risorse online, come ad esempio amiresponsive, da cui potrete visualizzare un’anteprima di come apparirà il sito su tablet e cellulare.

Il tuo sito non è responsive?dispositivi mobile

È allora arrivato il momento di prendere provvedimenti.

Le soluzioni per non perdere punteggi nel ranking Google sono due:

  • Fare un restyling del sito adottando un design responsive, in modo da avere un unico sito che si adatterà a seconda delle dimensioni dello schermo dal quale lo si sta visualizzando.
  • Sviluppare un sito mobile, con un codice e un indirizzo diversi da quello desktop, a cui il sistema reindirizzerà in caso di visualizzazione da dispositivo mobile.

Google si è schierato a favore della prima soluzione,  il responsive design.

Se vuoi approfondire ecco un link per esaminare meglio i pro e i contro di entrambe le opzioni e scegliere il modo migliore per sbarcare su mobile.

Mobilegeddon: cosa cambia ultima modifica: 2015-04-21T15:58:47+00:00 da ppaola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattro × due =